La posizione corrente:Home > Spettacoli

Zhang Huan nella culla del Rinascimento

2013年09月09日 19:21 fonte:Cina in Italia  autore: Emanuele Marsili

 

Dopo cinque anni di chiusura, il Forte Belvedere, celebre punto panoramico e pregevole opera architettonica di Firenze, ha riaperto alla città l’8 luglio, in occasione dell’inaugurazione della mostra dell’artista cinese Zhang Huan (1965, Anyang) L’anima e la materia, il cui percorso espositivo si snoda tra il Forte e Palazzo Vecchio.

L’elemento centrale della mostra è la cenere, materiale prediletto dall’artista per la realizzazione dei suoi lavori, tra cui spicca il celebre Berlin Buddha. La cenere utilizzata dall’artista, monaco buddhista laico, è cenere di incenso proveniente dai templi delle province di Shanghai, che ogni anno si fa portare nel suo studio, dove viene poi trattata e lavorata diventando così materia prima per opere e dipinti. Le opere vengono realizzate in cenere in quanto transitorie. Infatti, secondo i principi buddhisti niente è destinato a durare e le forme sono in continuo mutamento, proprio come l’essere umano.

In occasione della mostra Zhang Huan ha realizzato il Florence Buddha, un enorme buddha in cenere compatta. In omaggio alla tradizione della grande scultura rinascimentale l’artista crea per la prima volta una scultura utilizzando il marmo di Carrara: Confucius, donata al Comune di Firenze. Zhang mette in atto un dialogo tra due culture tramite una forte spiritualità. Riportando in auge la figurazione religiosa, rappresenta nelle sue opere Buddha, Confucio ma anche Gesù, come in Ash Jesus and Ash Buddha, lavoro che testimonia la sua volontà di operare sul doppio binario dell’iconografia cinese e occidentale. La mostra terminerà il 13 ottobre.