La posizione corrente:Home > Studiare in Cina

Vivere e studiare a Guangzhou

2013年10月21日 19:02 fonte:Cina in Italia  autore: Guo Ran

Negli ultimi 5 anni, sono sempre di più gli italiani che si recano in Cina per studiare o lavorare. Quale città scelgono? In questa rubrica descriveremo la vita a Pechino, Shanghai, Guanzhou e Tianjin raccontata da italiani che in quelle città vivono e lavorano, così da aiutare nella scelta della propria destinazione tutti quelli che si apprestano a intraprendere esperienze simili in Cina. In questo numero vi proponiamo le storia di Flavio e Annalisa, due ragazzi che vivono a Guanzhou.

Flavio

È uno studente di 26 anni al secondo anno di laurea specialistica presso l'università Bocconi. Viene da Roma e negli ultimi anni ha fatto la spola Italia e Cina (in particolare Guangzhou), senza disdegnare un lungo soggiorno a Bruxelles

 

Annalisa

Viene dalla Calabria (precisamente Annoia Superiore) ed è laureata in lingue e culture dell'Asia Orientale presso la Ca'Foscari di Venezia. Ha studiato a Shanghai e attualmente vive a Guangzhou. La mattina lavora in ufficio presso un'azienda di abbigliamento come interprete e modella, la sera è manager in un ristorante

 

 

CIT: Descrivi Guangzhou con tre aggettivi.

F:Cinese, "incivile", a misura d' uomo.

A:Aperta, bella e accogliente.

 

CIT: Perché hai scelto proprio questi tre termini?

F:- Cinese: sia ben chiaro, ci sono moltissimi stranieri presenti a Guangzhou (soprattutto due grandi comunità africane e medio orientali), ma volendo possono passare giorni interi senza incontrare un singolo straniero. Diciamo che e' abbastanza un mix perfetto tra cose irrinunciabili (il bisogno quasi fisiologico di una pizza o un hamburger una volta ogni tanto) e il piacere di mescolarsi e stringere amicizie con la gente del posto.

- "Incivile": volutamente messo tra virgolette. Non perché la città risulti assaltata dai barbari, anzi (mi sembra molto meglio degli standard italiani).... piuttosto mi riferisco ai continui annunci che si trovano per strada, come ad esempio "costruiamo insieme una Guangzhou civilizzata"...A quanto pare fregiarsi di questo titolo e' una delle aspirazioni maggiori di ogni sindaco!

- A misura d'uomo: ha poco da invidiare a Shanghai e Pechino, ma le batte a mani basse su vivibilità, clima, accessibilità e trasporti.

 

 

A:Perché dopo aver visto un po’di posti qui in Cina posso dire che Guangzhou sia una città molto sviluppata che offre tanto a livello lavorativo;inoltre i cinesi sono aperti al confronto e pronti ad aiutare gli stranieri.

 

CIT: Per quale motivo hai scelto di vivere a Guangzhou e non in un’altra città?

F:Il caso ha voluto che durante la festa di primavera del 2011 sia venuto qua in viaggio. Data che la città mi aveva lasciato un’ottima impressione, ho colto al volo l’opportunità di svolgere qui un tirocinio l’estate dello stesso anno. 

A:Per gli stessi motivi già elencati nella risposta precedente. Principalmente per una questione lavorativa, ma anche per le qualità umane dei cittadini.

 

CIT: Se tornassi indietro, sceglieresti sempre Guangzhou?

F:Sicuramente no; non perché sia insoddisfatto, ma per il semplice motivo che nel profondo del cuore sono un piccolo esploratore. Guangzhou oramai l'ho vissuta pienamente, andrei volentieri altrove.

A:Certamente!

 

CIT: Qual è la prossima città cinese che visiterai?

F:Farei prima ad elencare quelle dove non voglio andare. Tra quelle tuttora inesplorate sicuramente Chengdu,Yunnan,Mongolia interna,Dalian,Taiwan,Xian...La storia cinese è così lunga e i posti incantevoli da visitare sicuramente non mancano.

A:Vorrei visitare il Sichuan.

 

CIT: Quali sono l’aspetto positivo e quello negativo di Pechino?

F:Di positivo c’è decisamente il clima e lo stile di vita, di negativo sicuramente la lingua cantonese(devo ammettere che non lo capisco per niente)e il mercato del lavoro: offre meno opportunità rispetto ad altre metropoli come Hong Kong,Shenzhen,Shanghai,Pechino (a meno che non amiate la logistica o il commercio). L' inquinamento poi penso sia un problema comune a molte città cinesi, soprattutto nel Guangdong (non a caso soprannominato la "fabbrica del mondo").

A:L’aspetto positivo è quello relativo il lavoro, che si può trovare semplicemente e velocemente se si ha un minimo di intraprendenza; inoltre la vita non è cara come a Pechino o Shanghai e gli stranieri formano come una grande famiglia. Di negativo c’è l’inquinamento (come in altre città cinesi), ma non mi viene in mente nient’altro di brutto relativo alla città!

 

CIT: Tre cose che non ti saresti mai aspettato di trovare a Guangzhou.

F:Una comunità africana cosi grande, prezzi più alti di quelli di Shanghai per quanto riguarda alcuni prodotti, e l'amore.

 

A:Tanto verde (giardini parchi,alberi in abbondanza), un atmosfera di modernità come può respirarsi a Pechino o Shanghai e l’ottima accoglienza che i cinesi riservano agli occidentali.


CIT: Un consiglio per chi vuole venire a vivere a Guangzhou.

F:Siamo assolutamente in minoranza noi italiani qui a Guangzhou, servono rinforzi!! E soprattutto per chi non e' mai andato in Cina, munitevi di tanta pazienza...

A:Visitatela tutta, ci sono degli angolini stupendi!