La posizione corrente:Home > Libri

Al Noir in Festival il nuovo romanzo di Mai Jia

2016年12月06日 20:02 fonte:Istituto Confucio di Milano  autore: Marta Cardellini


Topos letterari cinesi e modernità si incontrano nel racconto dell’autore che agli intrighi e ai colpi di scena preferisce storie in cui prevalgono malinconia e struggimento per «una condizione esistenziale di separatezza dal mondo».

 

In occasione del Noir in Festival, che quest’anno si terrà nelle città di Como e Milano dall’8 al 14 dicembre 2016 e che avrà un focus sulla Cina, lo scrittore Mai Jia presenterà il suo romanzo noir Il fatale talento del signor Rong, pubblicato da Marsilio Editore lo scorso mese di settembre per la Collana Farfalle (trad. Zucchella F., pp. 412, 18,50 euro). L’incontro, organizzato dall’Istituto Confucio dell’Università degli Studi di Milano, dal Noir in Festival e dal Mudec (Museo delle culture), si terrà il prossimo 12 dicembre presso il Mudec, in via Tortona, 56 a Milano, ore 18:00 e vedrà la partecipazione di Bettina Mottura, ricercatore di lingua e cultura cinese presso l’Università degli Studi di Milano ed Emma Lupano, giornalista ed esperta di Cina.

Lo scrittore, oltre a presentare il nuovo romanzo, parlerà delle nuove tendenze della narrativa cinese e replicherà l’incontro il giorno successivo 13 dicembre presso i locali del Polo di Mediazione Interculturale e Comunicazione (Piazza Indro Montanelli, 1, Sesto San Giovanni). Mai Jia, pseudonimo di Jiang Benhu, è considerato oggi il padre dei romanzi cinesi di spionaggio. Il fatale talento del signor Rong ha richiesto undici anni di lavoro ed è stato vincitore del premio Mao Dun, il più alto riconoscimento letterario cinese. Ristampato ben 17 volte in Cina ha venduto circa 5 milioni di copie, con una pubblicazione estera in 20 paesi. Dal romanzo, oltre agli adattamenti cinematografici fatti in Cina, è in preparazione un film prodotto dalla statunitense 20th Century Fox.

Nato a Fuyang, nella provincia dello Zhejiang nel 1964, Mai Jia rimane arruolato nell’Esercito di Liberazione Popolare per 17 anni, comincia a scrivere nel 1986 e proprio dagli anni di reclutamento e dal lungo periodo di esperienza nei servizi segreti prende ispirazione per gran parte dei personaggi dei suoi romanzi.

 

Trama

 

Il romanzo parte dal 1873, quando il più giovane rampollo di una celebre famiglia di mercanti di sale viene spedito all’estero per studiare. Il giovanotto, che doveva apprendere l’arte dell’interpretazione dei sogni, una volta all’estero preferisce studiare aritmetica e geometria. E così, da una dinastia di mercanti di sale, i Rong si trasformano in una moderna famiglia di matematici. Passata qualche generazione, Rong Jinzhen il protagonista del romanzo, dimostrerà una capacità di capire l’universo dei numeri assolutamente fuori dall’ordinario. Troppo geniale per passare inosservato, Rong Jinzhen verrà obbligato ad abbandonare la carriera accademica e sarà reclutato nella sezione crittografia della misteriosa Unità 701. Diventerà così un abilissimo critto-analista, ma nella sua carriera dovrà affrontare una serie di dolorosi tradimenti, intrappolato in un sistema che lo obbligherà a sfide disumane, costringendolo in una prigione di segreti e solitudine.