La posizione corrente:Home > Economia

Al via venerdì i lavori del Lianghui

2017年02月27日 21:11 fonte:  autore: Marta Cardellini


Leadership nazionale e internazionale, crescita, riforme strutturali e principio di “Una sola Cina” con Taiwan, Hong Kong e Macao. La Cina si prepara per ora a fare il punto della situazione per il futuro affrontando le questioni più urgenti nel più grande incontro politico del Paese.

 

Inizieranno nei primi giorni di marzo, venerdì 3 e domenica 5, i lavori annuali delle Due Sessioni, che si riuniranno per fare un bilancio in linea con la tabella di marcia prefissata. Chiamate in cinese Lianghui, le due sessioni sono al top della gerarchia amministrativa cinese e raccolgono i membri più importanti della politica. Si tengono sempre negli stessi giorni e nella stessa location e vi partecipano circa 6000 delegati.

Fra le questioni da trattare, in primo piano il ruolo del presidente Xi Jinping all’interno del partito, governance e linea dell’attuale amministrazione, i target e gli obiettivi da portare avanti con il 13º Piano Quinquennale (2016-2020), tra cui giocano un ruolo importante l’innovazione, la riduzione della povertà e la protezione ambientale. Si parlerà poi di crescita, stabilita ad un 6,5% per questo 2017, di riforme strutturali per dare slancio all’economia nazionale (in particolare nel campo dell’agricoltura) e dei cosiddetti “tagli alla sovrapproduzione”, di globalizzazione nel segno dell’inclusività per la Cina e del crescente protezionismo occidentale, dell'iniziativa “Una cintura, una strada” che Xi Jinping ha lanciato nel 2013, della diplomazia cinese nei confronti degli Stati Uniti, della difesa nazionale e ultimo, ma non meno importante, il discorso su Taiwan e le regioni amministrative speciali Macao e Hong Kong, la quale festeggerà quest’anno il 20º anniversario del suo ritorno alla madrepatria.

Le Due Sessioni saranno inoltre la prima vetrina per il prossimo 19º Congresso del Partito, che si svolgerà nel mese di ottobre 2017 e che eleggerà la nuova leadership.