La posizione corrente:Home > Scambi italo-cinesi

“In dialogo con Alberto Angela”

2017年05月30日 18:18 fonte:  autore: Marta Cardellini


Un viaggio nella Pompei antica per scoprire insieme al pubblico cinese un modo di vivere che ha reso Italia e Cina due lontani paesi gemelli, questo il tema dei prossimi incontri in programma a Pechino che vedranno come protagonista il noto storico italiano.

 

                                                                                                                    

Dopo la visita in Cina nel gennaio dello scorso anno in occasione dell’uscita del libro “I tre giorni di Pompei” Alberto Angela, conduttore di programmi di divulgazione storica e scientifica, torna a Pechino il prossimo mercoledì 31 maggio su invito di SACH (State Administration for Cultural Heritage) e dell’Istituto Italiano di Cultura per tenere una Lectio Magistralis presso la Chinese Academy of Cultural Heritage. Nello stesso giorno Angela sarà protagonista di un incontro con il pubblico presso l’Istituto di Cultura condotto dallo storico Guo Xiao Ling, già direttore del Capital Museum di Pechino, che avrà come tema proprio la recente pubblicazione ad opera dalla China Social Sciences Press. Il libro, strutturato come un romanzo, racconta attraverso i documenti storici e le ricerche archeologiche vari aspetti della Pompei antica, dalla descrizione del lusso e stravaganza dell’aristocrazia dell’impero romano alla narrazione del disastro che distrusse la città.

Pubblicare “I tre giorni di Pompei” in cinese è stata un’ottima strategia per far conoscere al pubblico della Cina un periodo di storia molto lontano e allo stesso tempo vicino, ha spiegato Alberto Angela in un’intervista dello scorso anno per Radio Cina Internazionale, aggiungendo che Italia e Cina oltre a dividersi buona parte dei siti mondiali Unesco sono due gemelli lontani, da una parte l’impero romano dall’altra l’impero cinese. Trovare oggi lungo l’antica Via della seta una congiunzione che leghi le due realtà è importante.