La posizione corrente:Home > Scambi italo-cinesi

Il made in Italy in Cina con Ice e Yoox

2017年12月20日 19:26 fonte:  autore: Marta Cardellini


L’Italia promuove lo sviluppo digitale delle piccole e medie imprese in Cina, grazie all’accordo firmato da Ice (Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane) e Yoox, parte di Yoox Net-A-Porter Group

 

L’obiettivo è favorire lo sviluppo del commercio digitale delle piccole e medie realtà italiane in Cina, e anche in Usa, attraverso la creazione di una piattaforma ad hoc all’interno dello store online Yoox, che già dal 2010 opera con successo in Cina. È per questo che l’Agenzia ICE, con l’aumento del 45% del finanziamento del Ministero per lo sviluppo economico italiano per il settore moda nel 2017, ha visto in Yoox un valido alleato per attuare nel mercato cinese una strategia di comunicazione e vendita online.

Le normali attività di promozione del made in Italy, ha sottolineato l’Ice nella persona del presidente Michele Scannavini, devono essere affiancate al digitale, ambito che in Italia offre degli strumenti ancora poco sfruttati nel loro pieno potenziale.

«L’accordo firmato con YOOX si inserisce nella strategia dell’Ice rivolta allo sviluppo del commercio digitale a favore delle imprese italiane. Attraverso una intensa attività di formazione, la definizione di accordi di distribuzione con e-tailer, marketplace e retailer, unitamente alla promozione sui mercati più promettenti come Cina e Stati Uniti, vogliamo aumentare il numero delle nostre aziende esportatrici e favorirne la crescita. Molte di queste, infatti, sono “gemme nascoste” che da sole, in quanto piccole realtà, non riuscirebbero a intraprendere il percorso di internazionalizzazione digitale» ha riferito Scannavini.

È nel 2015 che Yoox Group ha definitivamente conquistato la fiducia dei buyers cinesi realizzando un’app ideata per il loro shopping online, effettuato soprattutto tramite dispositivi mobili. Secondo i dati dell’azienda, solo durante le festività natalizie dell’anno precedente, il 2014, i visitatori mobili hanno rappresentato oltre la metà del traffico del portale Yoox. Un successo confermato dalla società di ricerca con base a Pechino iResearch, secondo cui nel terzo trimestre del 2014 gli e-shoppers del Dragone avrebbero speso 30 milioni di euro in acquisti proprio su Yoox.